PRANOTERAPIA E FORME REALIZZATIVE

Pubblicato da Damiano Checchin il

pranoterapia e forme realizzative

Con “pranoterapia e forme realizzative” si conclude la serie composta da 3 articoli (1 – Pranoterapia e Potere Personale 2 – La Manifestazione Pranica attraverso L’Idealizzazione)dedicata al potere personale in correlazione all’energia pranica.

FORMA REALIZZATIVA DEL PENSIERO

pranoterapia e forme realizzative

Per generare un’idea e portarla nel mondo delle forme (realtà oggettiva) abbiamo bisogno di un’immagine ideale chiamata “matrice energetica” o “embrione determinante” che dovrà prima svilupparsi nella mente, essere affermata per mezzo della Volontà e poi realizzata attraverso un Processo Alchemico di Trasformazione.

Ragionevolmente, per conseguire siffatti risultati, non basterà leggere un manuale sull’argomento, imparandone pedissequamente gli enunciati espressi: sarà invece necessario approcciarsi a “pranoterapia e forme realizzative”, servendosi di esercizi creati allo scopo che aiuteranno a rafforzare il pensiero.

Senza la percezione di vivere nel presente e senza un adeguato controllo dei pensieri che ci attraversano, sarà impossibile modificare consapevolmente la realtà in cui siamo immersi.

I POSTULATI DELLA REALIZZAZIONE

pranoterapia e forme realizzative

La prima cosa da fare, al fine di agire sulla modificazione della realtà e quindi sulla pranoterapia e forme realizzative, è quella di scoprire di cosa abbiamo bisogno per creare una forma pensiero di quella cosa.

Qui entra in gioco La Volontà e gli “Esercizi di Potere e Materializzazione” per la concretizzazione.

Il passo successivo è “l’impressione” sul prana universale, aggiornandone l’immagine con particolari delineati ed estremametne definiti, grazie agli esercizi di costruzione dell’attenzione.

Sostieni infine l’energia mentale con il desiderio per concludere con la vera e propria manifestazione attraverso l’atto cosciente del pensiero (esercizi di rafforzamento mentale).

Riassumiamo il concetto in questi sette punti:

1) Impressione nella mente di ciò che desideri, degli eventi e delle condizioni per ottenerli come se fossero nel “qui e ora”.

2) Sublimazione di te stesso e di ciò che vorresti essere.

3) Idealizzazione delle persone e di come devono essere secondo le tue aspirazioni.

4) Concretizzazione degli avvenimenti che dovranno accadere.

5) Creazione delle condizioni per come saranno.

6) Formanzione dell’ambiente ideale per ottenere ciò che desideri.

7) Espressione del Potere e della Forza che ti caratterizzano e ti permettono di trasmutare alchemicamente L’ideale in Reale.

IL RAFFORZAMENTO DEL PENSIERO

pranoterapia e forme realizzative

“Pranoterapia e forme realizzative” non è esclusivamente un procedimento per rafforzare il pensiero, utilizzandolo per un vantaggio personale: è altresì un mezzo per lo sviluppo di un fluido energetico di altissima vibrazione e di aggregazione dinamica che si impara nella Tecnica MCC, utile nel lavoro del pranoterapeuta.

Il procedimento è un percorso mentale che ci educa al raggiungimento del successo, abituando la mente alla Presenza Costante e ad una Volontà Incrollabile.

Raggiunto questo primo e difficile traguardo, il resto arriverà di conseguenza e, la modificazione della realtà, sarà ogni giorno più evidente ed efficace.

Il segreto per conseguire lo scopo è la ripetizione, per mezzo di “allenamenti di realizzazione”, ereditati dalle scuole operative esoteriche e dai loro Maestri che hanno fatto in modo di migliorarli, per renderli comprensibili e di facile esecuzione.

LA FONTE PRIMARIA

Il nostro potere personale, per quanto modesto possa essere, deriva da una trasformazione alchemica del Potere Universale o Principio Generativo.

Comunichiamo continuamente con questa forza primaria, spesso inconsapevolmente tuttavia, se non fosse così, non ci sarebbe attività nel corpo fisico.

Il prana non fa differenza poiché esiste un’ interscambio continuo tra il prana, il corpo sottile e quello fisico, attraverso i Chakra.

Più un Chakra sarà potenziato e più una determinata caratteristica ci apparterrà, compresi gli squilibri che da esso ne conseguono.

Persone estremamente spirituali avranno i chakra alti più “attivi” mentre quelle più pragmatiche avranno più “efficienti” quelli bassi.

L’obiettivo è quello di sviluppare tutti i Chakra, rendendoli equilibrati e perfettamete reattivi.

Imparando a identificare consapevolmente il potere dei pensieri che generi, la manifestazione cosciente diverrà un’abitudine che modificherà la tua realtà per indirizzarla dove ce ne sarà bisogno.

IL CODICE DELLA REALIZZAZIONE

Per attuare la realizzazione delle proprie idee, attraverso tecniche di pranoterapia e forme realizzative, bisogna focalizzare la nostra attenzione su questi basilari principi:

1) Le idee devono essere assolutamente definite ed è per questo che, una mente volubile, ottiene ben pochi risultati nel suo percoso di esistenza.

2) Bisogna alimentare l’energia, utile a generare l’obiettivo, mediante un desiderio costante di riuscita.

3) Ora è essenziale mettersi in ascolto percependo ciò che sta per accadere nella nostra realtà.

4) E’ giunto il momento di sviluppare la determinazione per continuare ad agire sul processo di trasformazione.

5) Siamo sempre consapevoli che la realizzazione dell’idea ha un prezzo da pagare: non si ottiene mai niente per niente, questa è una regola aurea dell’esoterismo (regola dell’equilibrio o di compensazione).

Il codice della realizzazione si attua attraverso la conoscenza dei principi sopraindicati ed anche un solo errore nel procedimento, porterà ad una rovinosa sconfitta.

DEFINIRE LA REALTA’

E’ doverosa una precisazione per comprendere il significato di “realtà”:

E’ risaputo che gli occhi non vedono i colori ma trasformano delle onde elettromagnetiche che si traducono nei toni e nelle sfumature percepite dal nostro cervello.

Il suono è una variazione di pressione che, attraverso il canale uditivo, ci fa sentire la musica.

I neuroni del cervello traducono gli impulsi elettrici dell’ambiente esterno in sensazioni interpretate dalla nostra mente ed, effettivamente, il grande neurochirurgo Karl Pribram, nell’esposizione della sua celebre teoria del “paradigma olografico”, affermava che “il mondo è nelle nostre retine e non all’esterno”.

Se, come hanno ipotizzato grandi mistici, scienziati e filosofi, la realtà è interna a noi e viene elaborata dalla mente, è ancora più semplice modificarla attraverso il pensiero consapevole.

Aggiungo solo quest’ultima asserzione: la realtà è modificabile conoscendone il codice di decrittazione.

CONCLUSIONE

Sarà di primaria importanza sviluppare delle metodologie atte a rafforzare la mente che ci permetteranno di usare l’energia pranica per modificare la realtà o, per meglio dire, migliorare quello che noi pensiamo essa sia.

Sarà indispensabile conseguire un percorso alchemico che ci consentirà di comprendere i meccanismi che governano Il Cosmo e Le Leggi che lo coordinano: il risultato si otterrà con uno studio indefesso, altrimenti lasciate perdere e dedicate il vostro tempo a leggere qualche libriciattolo sulla legge di attrazione; anche se vi alimenterete di vane speranze sarà sicuramente meno impegnativo!

Concludo questo “trittico” e l’ultimo articolo “pranoterapia e forme realizzative” con una massima a me molto cara:

La conoscenza non è per tutti ma solo per chi se la merita!”


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *